Una Storia Vera

Torino, 2 maggio 2010

E' una domenica grigia nonostante sia il giorno della visita del Papa, Torino con il centro chiuso al traffico, quale migliore occasione per farsi un giro in bicicletta? Cosi prendo la mia bella bicicletta da passeggio, 80 euro al Carrefour, e visto che stavo testando il software del mio tracker tk102 me lo imbosco sotto la griglia posteriore e se ne ho occasione ci faccio qualche prova sulla modalità geo fence che sta a significare che se la bicicletta si sposta un tot di metri da dove è stato azionato l' allarme mi arriva, nel mio caso, uno squillo e nel caso del firmware standard un sms.Ho un gancio con dei miei amici e una amica romana. Facciamo un giretto e ci prendiamo qualcosa al bar. Si fanno le mezzogiorno e accompagnamo la nostra amica romana alla stazione di porta nuova. Io sono l'unico in bici e visto che la stazione era tirata a lucido non mi sembrava carino spostarmi con le due ruote e decido di legarla praticamente di fronte all' ingresso. Visto che è disponibile "innesco" l' allarme di movimento del mio tracker questo lo faccio facendo uno squillo con un numero secondario (con il numero primario uno squillo provocherebbe l'invio di un sms della posizione). Ora se la bici si sposta di circa 70 metri mi arriva uno squillo sul numero primario. Aspettiamo che la nostra amica salga sul treno e ci avviamo verso l' uscita. Mi arriva uno squillo dal tracker, non mi preoccupo più da tanto perchè a volte succede che se ci sono edifici alti la ricezione dei satelliti non è proprio buona generando un posizione non precisa. Cosi innesco una seconda volta l' allarme di movimento col mio secondo cellulare. Passano una decina di secondi e di nuovo arriva uno squillo al mio numero primario. All' inizio penso "ma che cagata di gps (in effetti l'antenna è un quadretino di 1 cm^2) ha questo localizzatore?". Cosi armo per la terza volta il tracker; indovinate cosa: arriva una terza chiamata al cellulare principale. Eh no! Non mi dire che sta capitando proprio a me? Con tutta la polizia che c'è in giro per la protezione del Papa!?Che se facevo una puzzetta mi ritrovavo i nocs addosso. A parte che sembravo un pirla con due cellulari facendo squilli e chiudendo chiamate, però questo ed altro in nome della scienza, ma ormai ero quasi sicuro di non ritrovare più la mia compagna a due ruote. Eh già!...MI HANNO FOTTUTO LA BICI...MALEDETTIIIIII!!!! Frustrazione e panico mi assalgono, a volte con le cose crei dei legami. Ma ho una carta da giocarmi: il mio localizzatore. Questo non mi fa rilassare perchè potevano accorgersi della sua presenza spegnerlo e fregarmi anche quello: doppiamente fottuto con la capriola. Ok, "don't panic" faccio uno squillo col cellulare principale, passano secondi interminabili ma ecco che arriva un sms con la posizione attuale. E ora che faccio? mi metto a correre per tutta la città come Forrest Gump e poi mi faccio accoltellare da qualche extra comunitario? Coraggiosi si ma non pirla. Cosi mi avvicino a un pulmino pieno di poliziotti svaccati e annoiati; spiego alla buona all' autista che mi hanno fregato una bicicletta ma so anche dove si trova, ovviamente non possiamo andare a recuperarla con tutto il battaglione cosi mi chiamano una volante. Tu l'hai vista? Io no! Il tempo è fondamentale in questi "sequestri" cosi con la mia faccia di cubo faccio qualche metro e forzo il blocco di una volante dei carabinieri: io li amo a differenza dei poliziotti. Farnetico qualche cosa e mi fiondo nel sedile di dietro schiacciando il cappello del maresciallo. Una scena tragicomica. Chiamo il mio tracker e lui mi risponde con una stringa del tipo http://maps.google.com/maps?q=12.345678,007.124356.Grazie al mio smartphone visualizzo la posizione su google maps. C'era da immaginarselo la bicicletta si trovava a Porta Palazzo, chi non conosce Torino sappia che è il Bronx della città e ci vuole il visto per entrare :-) Per farvela breve recupero la mia bicicletta che era per terra dietro un auto parcheggiata. I carabinieri mi rimproverano perchè secondo loro potevamo appostarci e prenderli con le mani nel sacco ma per me eravamo già bruciati perchè avevamo già fatto diversi giri della piazza. Ancora mi immagino la perplessità dei ladri che si chiederanno come cavolo gli abbiamo trovati cosi rapidamente. Ho goduto come un criceto per due motivi: uno perchè gliel'ho messa nel frac ai bastardi e due perchè il mio firmware non mi ha fatto brutti scherzi. Col firmware originale le cose sarebbero state più complicate primo perche l' allarme di movimento viene settato tramite sms quindi spendo soldi e poi perche la stringa di posizione non mi da l' url di google maps ma le coordinate nude e crude e prova tu a inserirle a manina quando sei agitato. Da allora uso sempre la mia bicicletta con il mio localizzatore a bordo, sono sempre 80 euro risparmiate ma ci sono biciclette che costano più di uno scooter per cui penso che ne valga la pena dotarsi di questo fantastico piccolino dispositivo; le biciclette sono più rubate di auto e moto. Vedete voi.

Ciao.